<

Monthly Archives:

Al via in Campania la staffetta generazionale

E’ partita ufficialmente la ‘Staffetta generazionale‘ in Regione Campania. Da oggi e fino al 31 dicembre, possono essere presentate le richieste per accedere alla misura. La Giunta Caldoro ha messo in campo 3 milioni di euro, per l’avviso pubblico destinato a incrementare l’occupazione giovanile.

I datori di lavoro interessati possono presentare domanda per la trasformazione in part-time del contratto di uno o più lavoratori maturi che abbiano aderito in maniera volontaria e per l’assunzione di uno o più giovani con contratto a tempo indeterminato, anche in apprendistato.

Obiettivo della staffetta generazionale è incrementare l’occupazione giovanile, in base alle esigenze dei lavoratori anziani che siano a 3 anni o meno dalla pensione, in una prospettiva di solidarietà intergenerazionale.

I datori di lavoro privati interessati e che ne hanno i requisiti presentano la domanda alla Regione attraverso Pec, la posta elettronica certificata, con tutta la documentazione richiesta. Gli uffici regionali esaminano le istanze in ordine cronologico e trasmettono le domande ammissibili all’Inps. Poi l’Inps controlla il possesso dei requisiti degli ammissibili e quantifica i contributi da versare. La Regione pubblica il decreto definitivo degli ammessi alla misura e liquida i contributi all’Inps in base al protocollo d’intesa stipulato con l’ente lo scorso 27 maggio. Il datore di lavoro, entro i 30 giorni successivi, trasforma il contratto dell’anziano ed assume il giovane, comunicandone il nominativo alla Regione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+RSS thisEmail this to someonePrint this page

Stabilizzazione Lsu Portici. Ciotola, Riconoscimento per chi ha dato tanto

”E’ stato un modo per ricompensare chi, per 20 anni, ha dato tanto al Comune di Portici”. Enzo Ciotola è consigliere comunale di Portici, in provincia di Napoli, e delegato nazionale di Ncd e spiega che la stabilizzazione dei 53 lavoratori Lsu di Portici ”è un riconoscimento per loro e per noi”.

”Quando ieri sera la vicenda si è chiusa con la loro stabilizzazione – racconta – molti hanno pianto. Ho capito che fare politica serve per dare risposte ai cittadini e risolvere i problemi. Fare qualcosa per la collettività ci ha riempito da un punto di vista umano”.

La storia di questi 53 lavoratori, racconta, ”è nata tre anni fa in seguito a un protocollo con la Regione Campania e l’Assessorato al Lavoro, retto da Severino Nappi”. Nel tempo, ”ci sono stati diversi tentativi di non stabilizzarli o di fare loro un contratto part time”. ”Però con l’impegno di Nappi e la collaborazione tra le istituzoni – aggiunge – siamo riusciti a stabilizzare tutti. A Nappi e Caldoro va riconosciuto il merito di aver lavorato e di lavorare anteponendo la collaborazione istituzionale all’appartenenza politica e ideologica”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+RSS thisEmail this to someonePrint this page

Tagliaferri consigliere comunale delegato per cultura, sport e spettacolo a Marano

Sport, cultura e spettacolo: sono le tre deleghe che ha ricevuto Marco Tagliaferri, consigliere comunale di Marano, in provincia di Napoli, ed esponente di Insieme.  

“Avevo già lavorato ad alcuni progetti con la precedente Giunta – spiega Tafgliaferri – tra queste c’erano molte iniziative dedicate ai giovani e a tutti i cittadini maranesi e ora torneranno”.

Tagliaferri tiene a spiegare che questi incarichi “sono a titolo totalmente gratuito”. “Sono vent’anni che mi impegno per Marano e continuo a farlo nell’interesse esclusivo della città e questi incarichi sono un riconoscimento”.

Tagliaferri é il primo consigliere delegato del Comune di Marano e lavorerà in stretta collaborazione con il vicesindaco Teresa Giaccio e com il sindaco Angelo Liccardo.

A Marano, spiega, si sta lavorando tra mille difficoltà per “la carenza di organico dell’Amministrazione comunale”. “Stiamo lavorando tutti con un impegno maggiore – conclude – anche attraverso progetti che sono a costo zero per l’Amministrazione”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+RSS thisEmail this to someonePrint this page

A Marano, la prima edizione del CIA’urro in Festa

Un’iniziativa pet i bambini e le famiglie dei terriotri di Napoli Nord. E’ la prima edizione del CIA’urro in Festa, organizzata dalle Associazioni Marano Insieme, PIÙ, Progetto Arcobaleno Baleno e  in collaborazione con le associazioni Petrone Eventi, Salva Bimbi, Sportiva Dilettantistica Nuova Pallacanestro Marano e Samaria Gospel of Love Mission. L’appuntamento è per domenica 15 giugno, 10,00 alle ore 19,00 presso la Villa Comunale del Ciaurro di Marano di Napoli.

I bambini saranno accompagnati, dai volontari delle associazioni, in giochi di gruppo, in momenti di divertimento, in esibizioni sportive e teatrali. Sarà, inoltre, organizzata una pesca di beneficenza di giochi e libri usati il cui ricavato sarà devoluto alla Missione “Samaria Gospel of Love”, che si occupa in Ghana di dare accoglienza, amore e speranza ai bambini poveri di quelle terre.

All’iniziativa prenderanno parte, oltre a Eduardo Napolano, coordinatore di Marano Insieme e organizzatore dell’evento, anche l’assessore comunale di Marano Elio Belrame, i consiglieri Titty Astarita e Mario Granata.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+RSS thisEmail this to someonePrint this page

Onofaro scrive al prefetto Musolino, Vertice contro escalation criminalità

Una lettera al prefetto di Napoli, Francesco Musolino, per chiedere ”un vertice di tutte le forze dell’ordine” contro l’escalation di violenza che ha colpito Qualiano, cittadina in provincia di Napoli. A scriverla, chiedendo l’intervento di Palazzo di Governo sul territorio, è Salvatore Onofaro, consigliere comunale di Qualiano in quota Ncd, componente dell’Assemblea nazionale del partito ed esponente di Insieme.

“Ho chiesto un soppoprto alla compagnia dei carabinieri di Qualiano – spiega – Loro hanno benissimo il proprio lavoro, ma servono riforzi”. Nei giorni scorsi, Qualiano è stata teatro di numerosi episodi di cirminalità. A cominciare dalla rapina in un supermercato, situaizone uno dei tre rapinatori ha perso la vita per l’inervento di un carabiniere. E, nella stessa giornata, in una pizzeria, altri due delinquenti hanno provato a rubare l’incasso, ma sono stati messi in fuga dai proprietari. “La gente è esasperata – dice Onofaro – e alla violenza risponde con la violenz aper salvare ciò che guadagna a fatica”.

“Dobbiamo però evitare il peggio – sottolinea – e cioè che possa perdere la vita un cittadino innocente che diventerebbe due volte vittima”.

Così Onofaro ha deciso di scrivere al prefetto.

“I sanguinosi accadimenti che nelle ultime settimane hanno colpito la città di Qualiano, hanno profondamente scosso gli animi e le coscienze dei cittadini – scrive – Una spirale di violenza, un’escalation di episodi criminali e delinquenziali che hanno inflitto un duro, durissimo colpo alla sensazione ed alla percezione di sicurezza nel nostro territorio. Nel giro di poche sono state proprio le vittime delle aggressioni a rispondere in prima persona agli attacchi della microcriminalità mettendo a repentaglio la propria incolumità e quella dei presenti pur di difendere le proprie attività ormai in una crisi quasi irreversibile”.

“Il dolore, la costernazione per quanto accaduto deve condurre necessariamente a raffreddare le emozioni scandite dal momento per ponderare con estrema celerità interventi ad horas miranti a scongiurare una deriva delittuosa con ripercussioni indelebili sul senso di vivere civile – si legge ancora – Questo mio accorato appello Le giunga in qualità di padre, di cittadino prima ancora che di Consigliere Comunale del civico consesso di Qualiano”.

“Le rivolgo una richiesta di coordinare un tavolo con i più alti dirigenti delle Forze dell’Ordine operanti sul territorio, sempre encomiabili e impagabili nell’ossequio quotidiano ai principi della legalità, della sicurezza dei cittadini  e della giustizia, onde elaborare un piano di azioni energiche di pattugliamento, rafforzando ed intensificando  i presidi per le strade – aggiunge – Qualiano ed i qualianesi invocano aiuto e vicinanza per contrastare senza requie chi e quanto mira a ferirne l’orgoglio di terra onesta, di lavoro, di sacrificio e di legalità”.

“Abbiamo bisogno del Vostro aiuto. Abbiamo bisogno dello Stato – conclude – Per far sentire forte e possente la presenza delle istituzioni contro il crimine. Per debellare la paura e dare vigore alla speranza”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+RSS thisEmail this to someonePrint this page

Un taxi sociale per il Comune di Marano di Napoli

Un taxi sociale per i diversamente abili. Da domenica prossima, il Comune di Marano di Napoli avrà a disposizione una Fiat Doblò da adibire al trasporto gratuito per i disabili. La cerimonia di consegna da parte dell’azienda Mobility Life avverrà il prossimo 7 giugno alle ore 11 in piazza Escrivà a Marano e tutto grazie alla sponsorizzazione degli imprenditori attivi sul territorio maranese.

L’iniziativa è nata da un’idea dell’assessore al Comune di Marano di Napoli Elio Belmare e saranno presenti insieme con il sindaco Angelo Liccardo, i consiglieri Titty Astarita, Marco Tagliaferri e Mario Granata, componenti dell’Associazione Insieme, presieduta da Severino Nappi, assessore al Lavoro della Regione Campania, ed Eduardo Napolano, coordinatore cittadino di Insieme.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+RSS thisEmail this to someonePrint this page