<

news

12 settembre 2015

Non diamo la colpa al destino!

La morte di Gennaro, il ragazzo di 15 anni schiacciato da una betoniera ieri a piazza Municipio mi ha ricordato quella, altrettanto tragica e atroce, di Salvatore, morto a 14 anni per la caduta di un calcinaccio nella Galleria Umberto I di Napoli. Fatalità si dirà. Forse, perché certo nessuno ha voluto la morte di questi due ragazzini. Ma non solo, secondo me.

Queste morti testimoniano lo stato drammatico delle Istituzioni e dell’amministrazione di questa città. La morte di Gennaro è il frutto dei lavori, caotici e infiniti, che interessano il centro di Napoli. Lavori necessari sicuramente, ma gestiti da un tempo infinito e sempre in modo improvvisato, come sanno bene i residenti.

Strade che si allargano o restringono all’improvviso, comunicazione scarsa e imprecisa, vigili assenti o inutilmente presenti, cantieri “aperti” ai passanti dove un ragazzino che s’infila col motorino non rappresenta certo un evento imprevisto e imprevedibile. E, soprattutto, totale assenza di programmazione. I cantieri spuntano come funghi, senza alcuna considerazione per le esigenze di mobilità dei cittadini e senza tener conto dell’esistenza di altre opere in corso, magari a pochi metri di distanza.

f8c44d529c7d11002eae2b1a06cbbee4
Insomma, caos, accompagnato dal menefreghismo di chi dovrebbe dirigere e soprattutto controllare, non solo da parte della politica. Anche la morte di Salvatore è il frutto della stessa mentalità malata: Salvatore è morto semplicemente perché  nessuno di coloro che hanno la responsabilità di farlo ha mai svolto  un’attività di verifica,  sistematica e non casuale, dello stato manutentivo degli immobili di questa città.

Una pietra può sempre cadere da un palazzo, ma basta alzare gli occhi al cielo nelle strade di Napoli per scoprire che quella morte non è frutto di un destino cinico e baro, ma di un evento largamente prevedibile. Ecco, questo è ciò che addolora e rattrista. Ricordiamocelo quando si spegnerà la luce dell’ultima telecamera su questa nuova tragedia, iniziando a pretendere che le cose si facciano sul serio.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+RSS thisEmail this to someonePrint this page

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>