<

news

11 settembre 2015

Il terrorismo che ha cambiato volto

L’11 Settembre nella storia dell’umanità è una data che non sarà mai più la stessa ed è necessario ogni anno soffermarsi sui tristi fatti di quel 2001 per mantenere viva la memoria di migliaia di persone innocenti che quel giorno persero la loro vita.

world-trade-center-11-settembre_650x447

In questi anni il terrorismo si è modificato. Da Bin Laden ha preso il volto dell’Isis. Oggi più che mai è necessario un momento di riflessione sulla sfida che la comunità internazionale è chiamata a intraprendere per fermare l’escalation di terrore oramai divenuto tristemente quotidiano.

Questa è la sfida che tutti noi siamo chiamati ad affrontare per difendere il nostro futuro e quello dei nostri figli. E non possiamo voltarci dall’altra parte, pensando che tanto questo male è lontano, perché i fatti hanno dimostrato che domani potrebbe capitare a noi o ai nostri cari di essere di colpiti dalla mano ferma e crudele di un terrorismo che non si ferma di fronte a nulla.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+RSS thisEmail this to someonePrint this page
16 febbraio 2015

Isis alle nostre porte, urgente affrontare la situazione

Trovo indegna e spregevole la decapitazione dei 21 copti egiziani di fede cristiana avvenuta in Libia per mano dell’Isis. Un’ennesima barbarie compiuta da questi sedicenti predicatori d’odio che, ora, si trovano minacciosamente alle nostre porte. L’urgenza di affrontare la situazione è sotto gli occhi di tutti, e il Ministro Alfano ha tutte le ragioni di sostenere che non c’è più tempo da perdere.

Stavolta, però, si evitino le azioni unilaterali, l’improvvisazione strategica e gli errori commessi in passato e si pretenda con determinazione il coinvolgimento degli organismi internazionali, primo fra tutti le Nazioni Unite, per affrontare in maniera coesa e sinergica quello che si configura sempre di più come un attacco nei confronti dell’intero Occidente.

L’aperto riferimento a Roma da parte di questi tagliatori di teste e le intimidazioni al Ministro Gentiloni non possono passare inosservati, né essere considerati come questioni che riguardano esclusivamente il nostro Paese.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+RSS thisEmail this to someonePrint this page