<

news

23 febbraio 2015

Ericsson, la giunta Caldoro è a fianco di chi lavora

Oggi ho incontrato i lavoratori e le rappresentanze sindacali della Ericsson di Marcianise per affrontare e discutere la questione della cessione dello stabilimento alla Jabil Italia, insieme al sindaco di Marcianise, Antonio De Angelis.

nappi

Ho riconfermato ai lavoratori e ai sindacati che la Giunta Caldoro è al fianco di chi lavora, ancora di più quando si tratta di imprese tecnologicamente avanzate e di qualità come in questo caso. Oltretutto, i lavoratori dello stabilimento di Marcianise, negli anni passati, hanno già favorito, con impegni in termini di flessibilità dell’organizzazione del lavoro, di riconversione produttiva e di efficienza, la costruzione di un polo industriale tecnologicamente avanzato. E soprattutto hanno firmato accordi e intese che ora sembrano messi in discussione.

Col presidente Caldoro chiederemo alla multinazionale le ragioni di questa operazione. Ci opporremo a qualunque manovra al ribasso in danno della #Campania e dell’area di Caserta. Chiederemo al Governo nazionale di dimostrare, con i fatti, che la Campania è una priorità per il Paese.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+RSS thisEmail this to someonePrint this page
9 agosto 2014

Jabil, il Governo apra un tavolo con le imprese del settore

Ieri lungo tavolo di confronto coi lavoratori della Jabil, una fabbrica di proprietà di una multinazionale americana con stabilimento a Marcianise, in provincia di Caserta. La minaccia di licenziamento per centinaia di lavoratori mi preoccupa e mi addolora. La soluzione però c’è. Ci sono aziende italiane anche pubbliche che hanno bisogno dei prodotti che realizza la Jabil.

Jabil

Ho chiesto al Governo di aprire un tavolo con le imprese del settore per trovare una soluzione indirizzando le loro commesse verso questa fabbrica. Si può e si deve fare.Secondo me la politica industriale di un paese moderno è questa. Indirizzare le scelte economiche a favore della nostra comunità nel rispetto delle regole anche comunitarie. E chi non ci sta, o è disinteressato, non deve più trovare spazio nelle strategie e nei finanziamenti pubblici.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+RSS thisEmail this to someonePrint this page