<

news

4 febbraio 2017

Vaccini, quote rosa e libero arbitrio

Due questioni, apparentemente distinte e distanti, dimostrano uno dei tanti sbagli che compie questo Paese. Mi spiego. Secondo me, i bambini vanno vaccinati. Mia moglie ed io abbiamo scelto di farlo con nostra figlia. Un’altra cosa. Ci sono ancora troppe poche donne in politica, come nei ruoli apicali pubblici e privati del mondo del lavoro. Per questo io, nel mio piccolo, ho deciso, come tanti, di dare il mio “contributo” a questa battaglia di civiltà, scegliendo spesso di lavorare con donne. Detto questo, veniamo al punto, che è lo stesso, nonostante sembrino appunto due temi distinti e distanti: di fronte a questioni che dovrebbero essere affrontate con il principio della libera scelta, questo Paese decide sempre di rifugiarsi in una legge che le risolva, “liberandoci” dal peso di dover scegliere, di dover decidere.

Arbitrio

E così ci troviamo una legge assurda che ci impone le “quote rosa” in qualsiasi consultazione elettorale, quasi ad incombere come una minaccia. Ma perché le donne, molto spesso e su molti temi, più brave, sensibili e preparate degli uomini, devono avere una specie di riserva indiana che al tempo stesso non le preserva dal rischio di partecipare come semplici riempilista? Al tempo stesso, perché in Italia non siamo in grado di capire da soli che ci sono condizioni e ambienti in cui noi, i nostri figli, i nostri anziani genitori, possono contrarre malattie debellabili con un semplice vaccino e dobbiamo anche qui arrivare alle imposizioni? Ci riempiamo la bocca della parola democrazia, contestiamo le imposizioni di qualsiasi genere, ma nei fatti, quando queste arrivano davvero e limitano la nostra libertà di scelta, chiniamo la testa o ce la caviamo gridando allo scandalo. Senza mai ricordarci che uno strumento per evitare imposizioni lo abbiamo dentro di noi: il libero arbitrio e il buonsenso. Che serve proprio a impedire che strafottenza e cattive condotte da parte di molti, impongano regole che costringano tutti in camice di forza…

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+RSS thisEmail this to someonePrint this page

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>